Canale Altipiano, primi lavori conclusi entro l’apertura della stagione irrigua Martedì 17 aprile il Consorzio di bonifica Bacchiglione incontra i sindaci per un primo bilancio

Padova, 16 aprile 2018. I lavori sul canale Altipiano procedono nel rispetto dei tempi programmati: saranno terminati entro la fine di aprile gli interventi all’interno dell’alveo dello scolo, giusto in tempo per l’apertura della stagione irrigua. Per presentare un primo bilancio dei lavori finora svolti, il Consorzio di bonifica Bacchiglione martedì 17 aprile alle ore 18.00 incontra i sindaci dei Comuni interessati (Codevigo, Arzergrande, Correzzola, Piove di Sacco, Pontelongo, Campagna Lupia, Brugine e Polverara)  presso l’impianto idrovoro di Santa Margherita di Codevigo.
Dopo il positivo avvio, i lavori sono proseguiti raggiungendo pienamente gli obiettivi prefissati. Da ottobre ad oggi, infatti, sono stati realizzati gli interventi riguardanti l’interno dell’alveo: abbassamento del fondo (in alcuni tratti di oltre 1 metro), difesa delle sponde con pali e sasso, in un tratto del canale lungo 5,8 km.
Per quanto riguarda i lavori esterni all’alveo, rimangono da ultimare gli interventi di stendimento del terreno proveniente dagli scavi e i ripristini stradali.
«Non posso che dirmi soddisfatto dell’efficienza con cui sono stati svolti i lavori. Gli interventi di nostra competenza sono stati portati a termine con successo e nei tempi previsti - afferma il Presidente del Consorzio Bacchiglione, Paolo Ferraresso -. Ora c’è grande attesa per la ripresa ed il completamento dei lavori di competenza del Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche (ex Magistrato alle Acque di Venezia) riguardanti il nuovo impianto idrovoro sull’Altipiano. Per questo motivo abbiamo bisogno del sostegno delle amministrazioni interessate affinché sollecitino chi di competenza.».
Gli obiettivi dell’incontro saranno quelli di illustrare i lavori realizzati fin qui, progettare le future azioni comuni e sottolineare l’importanza della ripresa e del completamento dei lavori dell’idrovora. Per questo sarà chiesto ai Comuni di sollecitare il Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche e la Regione del Veneto, per la ripresa dei lavori in tempi brevi e per il finanziamento necessario per il completamento dell’idrovora in modo da mettere in sicurezza il bacino interessato e ridurre l’inquinamento della laguna.