22 dicembre 2016

Gà rotto el Brenta l'arzare se gà spacà

Sul finire di questo anno in cui con tante iniziative abbiamo ricordato il cinquantesimo anniversario dell'alluivione del novembre 1966, vogliamo concludere con un ultimo omaggio alla memoria di quel tragico evento, affinché sia monito per il presente e per il futuro.
Pubblichiamo di seguito la poesia di Giuliano Gallerino, letta a Conche di Codevigo nel corso della commemorazione del 4 nivembre 2016.

Gà rotto el Brenta l’arzare se gà spacà

Gà rotto el Brenta l’arzare se gà spacà
Gera na notte de Novembre
De sincuanta anni fà

E campane sonava a marteo
Sonava forte sonava paura
Sò chea notte fredda e scura

Quanta acqua xe vegù fora
Sol giro de qualche ora

Gà rotto el Brenta l’arzare se gà spacà
Grassie a Dio che nessuno se gà negà

Ma tutti sigava impotenti
Par no poer salvare
El fruto de na vita del lavorare

Case poarete case innondà
De acqua sporca infangà
Te sciopava el cuore
Pensando a ste case curà con tanto amore

L’arzare se gà spacà
Dal Brenta al canae
Tuta acqua parea na vae
Gnanca el simitero se gà salvà
L’acqua col so far violento
Ga scomodà chi che riposava da tanto tempo
Portando qualcuna de ste persone care
A finir el so riposo in mare

Gà rotto el Brenta l’arzare se gà spacà
Anca dee bestie se gà negà
Che grande pena
Povare vacche
No aver fatto in tempo a liberarle daea caena

Aea sera se provava na certa emosion
Po el teegiornae
Vedare Conche in teevision
E tanta zente gà giutà
Sto paese alluvionà

Chr bruta roba l’aluvion
Tornando a casa dopo qualche mese
Perso tutto na disperasion

Tanto fango moio e umidità
Dee nostre robe
Pì gnente xe restà

Xe restà soeo ea voia de continuare
Par questo Conche
No ga mai smesso de lottare

Ghea rotto el Brenta
L’arzare se ghea spacà
Adesso xe soeo un ricordo
De sincuanta ani fà

Giuliano Gallerino

(La trascrizione del dialetto corrisponde al testo dell'autore)