06 ottobre 2017

Piove di Sacco, prossimi interventi sulla maglia idraulica territoriale

Far fronte al frequente rischio di allagamenti con un progetto di sinergia. Con questo intento, nei giorni scorsi, il Comune di Piove di Sacco ha approvato l’accordo di programma tra Regione Veneto, Consorzio di bonifica Bacchiglione e Comune stesso per la realizzazione di alcuni interventi manutentori di carattere straordinario sulla maglia idraulica territoriale.

Sebbene dopo l’approvazione del piano delle acque amministrazione comunale e privati si siano fatti carico della realizzazione di diversi interventi di carattere idraulico nelle località di Corte, Arzerello e Piovega, alcune criticità sono rimaste scoperte. In base a quanto individuato dal piano, infatti, i futuri interventi provvederanno alla messa in sicurezza idraulica di via Costa con opere di smaltimento delle acque meteoriche e alla realizzazione di una zona di espansione in corrispondenza del Bosco di Pianura.

L’accordo, che nei prossimi giorni dovrà passare anche l’approvazione della Regione e del Consorzio Bacchiglione, rientra nell’ambito del bando regionale per la realizzazione di interventi manutentori di carattere straordinario sulla maglia idraulica territoriale: un progetto dal valore complessivo di quasi 1 milione e mezzo di euro, in cui il Consorzio di bonifica Bacchiglione è il soggetto esecutore. Il Comune di Piove di Sacco, infatti, ne è risultato vincitore insieme ad altri quattordici Comuni ricadenti nel comprensorio consorziale e l’intervento specifico prevede un importo complessivo di 100 mila euro a cui il Comune stesso contribuirà per il 50 per cento.

«A Piove di Sacco, così come negli altri Comuni vincitori del bando regionale, ci facciamo carico dell’esecuzione di progetti che interessano la rete idraulica di competenza comunale – afferma il Presidente del Consorzio Bacchiglione, Paolo Ferraresso -. Tuttavia si tratta sempre di lavori che hanno un importante risvolto pubblico per il beneficio che portano alle zone residenziali e alla rete stradale. Per questo posso dirmi davvero soddisfatto».