27 giugno 2014

CURA RIPARUM - Archeologia e memoria del Fiume Bacchiglione

Cura Riparum - Archeologia e memoria del fiume Bacchiglione

Museo Archeologico del Fiume Bacchiglione, Cervarese Santa Croce
27-28-29 giugno 2014


La Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, in collaborazione con l'Università degli Studi di Padova, Studio D, Ecofficina e Terra di Mezzo, e con il patrocinio della Provincia di Padova e del Comune di Cervarese S. Croce, dirige e coordina un gruppo di lavoro finalizzato alla realizzazione di una serie di giornate di studio e didattica focalizzate sul recupero della memoria del paesaggio fluviale del Bacchiglione. Il progetto, destinato a costituire la prima fase di un più ampio percorso pluriennale di ricerca, scandito da indagini archeologiche di superficie e subacquee, tutela del paesaggio, sicurezza ambientale e valorizzazione culturale, si inserisce all'interno del dibattito sulla rivitalizzazione del rapporto Uomo-Acqua.

I recenti episodi alluvionali, che hanno profondamente colpito l'opinione pubblica locale e nazionale, costituiscono il naturale effetto di una malattia di lunga durata, contro la quale al momento non si intravvedono soluzioni definitive. L'abbandono dei fiumi e delle acque interne, legato ai profondi cambiamenti avvenuti nella società e nell'economia sporadicamente già a partire dal primo trentennio del Novecento ma esplosi in forma endemica dopo gli anni '50, assomiglia in modo impressionante ad uno dei tanti processi di scarto indotti dal consumismo. Nel caso dei fiumi, però, insieme all'oggetto liquido viene scartata un'intera civiltà, vanificando secoli di saperi costruiti proprio sul rapporto vitale tra Uomo e Acqua.

Il progetto del 2014

Le Giornate di studio e didattica sono progettate in modo da costituire l'occasione di presentare lo status quo nell'ambito dei "cantieri" di studio e ricerca legati al fiume Bacchiglione. Il luogo altamente simbolico scelto per lo svolgimento dei lavori, una sorta di roccaforte della memoria quasi in alveo, sarà la sede di sessioni multidisciplinari, fortemente incentrate sul ruolo dell'archeologia nel processo di recupero della memoria. Tuttavia, l'archeologia -intesa come ricostruzione del passato (non solo remoto) e custode della stessa memoria- è un metodo di lavoro che, con spirito e sensibilità moderni, ha necessità di essere sostenuta da una forte componente sensoriale, senza la quale trova scarso appeal all'interno della società.

Si è posto dunque come valore aggiunto l'inserimento di iniziative legate alla vista (mostre), al tatto (laboratori didattici), al gusto (degustazione prodotti locali), all'olfatto e all'udito (percorsi naturalistici). Lo "scheletro" delle giornate è infatti costituito da 4 sessioni di studio, articolate per argomenti e scansioni cronologiche.

La prima sessione è dedicata alla trattazione di problematiche di interesse generale, incentrate sul ruolo propulsore dell'archeologia (subacquea e terrestre), sulla tutela del paesaggio e sicurezza ambientale, sulle prospettive politico-amministrative per una efficace gestione territoriale. Gli interventi, coordinati dalla Soprintendenza, vedranno la partecipazione dei principali enti di riferimento (Regione del Veneto – Genio Civile di Padova, Consorzio di Bonifica Bacchiglione, Provincia di Padova, Comune di Cervarese S. Croce).

La seconda, terza e quarta sezione sono dedicate rispettivamente all'archeologia pre-protostorica, all'archeologia romana, all'archeologia medievale e post-medievale (con appendice dedicata al tema dell'Uomo moderno e del suo rapporto con il fiume, ivi compreso il tema della promozione dei musei locali tematici). Nel programma generale sarà incastonata una mostra fotografica dedicata alle imbarcazioni tradizionali delle acque interne padovane.

La domenica è dedicata alle attività sul fiume e attorno ad esso; le visite guidate al Museo saranno accompagnate da laboratori di archeologia per ragazzi, escursioni in bicicletta e/o a piedi, immersioni a scopo dimostrativo/ricreativo, percorsi in canoa.

Le giornate sono scandite da pause-pranzo con rinfreschi forniti da aziende e operatori gastronomici locali e costituiscono occasione di promozione anche per il panorama degli agriturismi locali.

info e prenotazioni:
curariparum@gmail.com