Interventi sulla maglia idraulica: nuovo tassello a Sant'Angelo di Piove. Il Consorzio Bacchiglione ha realizzato la prima fase dei lavori

Sant’Angelo di Piove di Sacco, 14 maggio 2020. Ultimato il primo stralcio dei lavori per il miglioramento della maglia idraulica minore a Sant’Angelo di Piove di Sacco. L’intervento, previsto dall’accordo di programma tra Regione Veneto, Consorzio di bonifica Bacchiglione e Comune, si inserisce all’interno del progetto per la messa in sicurezza della zona a sud del centro abitato.
La prima fase dei lavori, progettata ed eseguita dal Consorzio Bacchiglione, ha previsto il risezionamento dei fossi che si trovavano in uno stato di abbandono a causa della mancata manutenzione. La seconda fase dell’intervento consisterà nella pulizia delle condotte, nella sostituzione delle condotte di dimensioni non idonee e infine nella realizzazione di un by-pass idraulico in corrispondenza di un accesso carraio in via Anello.

«Un intervento molto importante per il nostro territorio, finanziato con risorse del Comune e con il contributo della Regione Veneto al quale potevano accedere i comuni che si sono dotati del Piano delle Acque, strumento che fotografa la situazione complessiva del nostro comune. Questo ci ha permesso di individuare le priorità d’intervento. Dal punto di vista operativo abbiamo trovato nel Consorzio Bacchiglione un partner le cui competenze sono fuori discussione e che ringrazio per la collaborazione dichiara il Sindaco di Sant’Angelo di Piove di Sacco Massimo Salmaso insieme al Vice Sindaco, Alice Morandin, che ha seguito tutte le fasi del progetto».

L’opera è soltanto un primo tassello per la messa in sicurezza della zona che comprende le affossature che si sviluppano lungo via A. Gramsci, lungo via Caselle proseguendo in direzione sud e lungo via Anello dove si immettono nello scolo consortile Rio II Ramo.

«Sono molto soddisfatto dell’avvio di un nuovo intervento per l’ottimizzazione della maglia idraulica minore, fondamentale per questa zona soggetta a frequenti allagamenti. Le cause non sono riconducibili solo agli eventi climatici eccezionali ma soprattutto all’inesistente manutenzione dei fossi da parte dei privati afferma il Presidente del Consorzio di bonifica Bacchiglione Paolo Ferraresso-. Grazie a quest’opera andremo a migliorare la sicurezza idraulica di quest’area».

Il finanziamento complessivo è di 85.500 euro, di cui 50.000 da parte della Regione del Veneto e i restanti 35.500 stanziati dal comune di Sant’Angelo di Piove d Sacco.