Ottenuto un altro finanziamento per l’efficientamento della rete irrigua nel bacino Trezze

Chioggia, 6 agosto 2021. Il Consorzio Bacchiglione ha ottenuto un nuovo finanziamento da parte della Regione del Veneto in merito al Piano Sviluppo e Coesione 2021 – 2027 per l’intervento denominato “Interventi di trasformazione irrigua del bacino Trezze” nei comuni di Chioggia e Codevigo. I lavori prevedono la sostituzione di circa 10 chilometri di canalette a cielo aperto con un impianto di distribuzione irrigua tubato in bassa pressione. 

Il progetto ha ottenuto un primo finanziamento dalla Regione del Veneto con un importo pari a euro 3.722.000,00 nell’ambito dei fondi per il disinquinamento della laguna di Venezia, per la realizzazione di un sistema di distribuzione irrigua in grado di fornire le aziende del territorio in maniera più efficiente e riducendo gli sprechi d’acqua. Il Consorzio Bacchiglione ha presentato, in un secondo momento, la richiesta di un ulteriore finanziamento al fine di migliorare le prestazioni e l’affidabilità dell’opera già approvata.

«Sono molto soddisfatto del risultato raggiunto, questo è un intervento necessario e fondamentale per tutta l’area agricola di Chioggia e Codevigo che necessita di un servizio efficiente per garantire la produttività. Ancora una volta siamo riusciti a presentare un progetto che ha ottenuto l’approvazione e il finanziamento da parte della Regione del Veneto segno che stiamo lavorando nella giusta direzione – afferma il Presidente del Consorzio di bonifica Bacchiglione Paolo Ferraresso-. Grazie al finanziamento ottenuto con il Piano di Sviluppo e Coesione 2021 – 2027 saremo in grado di migliorare il servizio irriguo. Abbiamo già realizzato un primo importante  intervento, il rifacimento della canaletta attraversante il canale Montalbano che ha permesso di aumentare la portata d’acqua per l’area di Valli di Chioggia».

Il Consorzio di bonifica Bacchiglione ha ottenuto anche il secondo finanziamento di euro 3.000.000,00 che permetterà di realizzare i lavori attraverso l’utilizzo di materiali e apparecchiature di maggior precisione e affidabilità, in maniera tale da garantire un miglior efficienza dell’opera.